« Torna indietro

Tunisia migranti

Tunisia: naufragio costa la vita a 34 migranti

Il naufragio di un barcone in Tunisia ha causato la morte di 34 persone, per la maggioranza si tratta di donne.

Pubblicato il 11 Giugno, 2020

Un nuovo viaggio della speranza è costato la vita a 34 persone in Tunisia. Il gruppo voleva raggiungere l’Italia su un barcone che purtroppo è naufragato nelle vicinanze delle isole Kerkennah. Il mezzo, al momento della partenza, contava ben 53 migranti, ma per il momento la marina tunisina ha ripescato il corpo di 34 persone. Numero che probabilmente è destinato ad aumentare nelle prossime ore.

Stando a quanto riportato dai media tunisini, le vittime comprendono 22 donne, 9 uomini e purtroppo anche 3 bambini. Il barcone sarebbe partito da Sfax nella notte da il 4 ed il 5 giugno. Al momento alcune unità della Marina militare e della Guardia costiera, con l’ausilio dei sommozzatori delle forze armate e della protezione civile, sono ancora a lavoro per cercare gli altri dispersi.

Naufragio in Tunisia: le parole di Romdhane Ben Amor

Romdhane Ben Amor del Forum tunisino per i diritti economici e sociali ha avuto modo di parlare della tragedia, accusando anche le politiche di non accoglienza dell’Europa che, secondo le sue parole, sono “disposte a tutto pur di ostacolare l’arrivo dei migranti“.

Ha poi aggiunto che: “Il numero di morti sarà sicuramente più alto, ma al momento non si può sapere con esattezza quante persone stavano tentando la traversata“.

Fonte: ANSA

Skip to content