« Torna indietro

Sant’Agata d’agosto sulle note di Bach e Vivaldi al Museo Diocesano il 17 agosto

E’ affidato alla bacchetta del Maestro viennese Robert Lehrbaumer (nella foto d’apertura) il concerto che la Camerata Polifonica Siciliana organizza in occasione dell’895° anniversario del ritorno in città delle reliquie di Sant’Agata

E’ affidato alla bacchetta del Maestro viennese Robert Lehrbaumer (nella foto d’apertura) il concerto che la Camerata Polifonica Siciliana organizza in occasione dell’895° anniversario del ritorno in città delle reliquie di Sant’Agata

Catania, Corte Museo Diocesano, martedì 17 agosto h 20.30
Ingresso: intero 12 euro, ridotto (studenti e over 65) 10 euro

Alcune tra le più belle note scritte da J. Sebastian Bach e Antonio Vivaldi risuoneranno nella Corte del Museo Diocesano di Catania, martedì 17 agosto dalle ore 20.30 (informazioni e prenotazioni boxoffice.cpsmusic.com, tel. 3920889640), per l’evento organizzato dalla Camerata Polifonica Siciliana in occasione di Sant’Agata d’Agosto con cui si celebra l’895° anniversario del ritorno delle reliquie della Santa Patrona in città. E anche se quest’anno a causa delle misure restrittive dettate dalla Pandemia non è prevista né l’uscita del Busto reliquiario né il consueto spettacolo di fuochi pirotecnici, gli intervenuti al concerto avranno comunque l’opportunità di accedere alle terrazze del Museo Diocesano, uno dei punti panoramici più suggestivi ed affascinanti della città.

Per l’occasione la Camerata Polifonica Siciliana, diretta dal M° Giovanni Ferrauto e presieduta da Aldo Mattina, propone  il concerto “Il barocco nel barocco” che vedrà esibirsi la Camerata Strumentale Siciliana, il nuovo ensemble composto da strumentisti di alto livello, già acclamati da pubblico e critica nel corso della rassegna “Corti e Castelli”, che eseguirà un programma dedicato al più classico dei repertori barocchi.
Sul podio il Maestro viennese Robert Lehrbaumer, che ha iniziato la sua carriera musicale come pianista all’età di 9 anni. Da allora ha girato quasi tutto il mondo, dove si è esibito anche come direttore d’orchestra oltre che come organista, nei più prestigiosi festival internazionali e nelle più famose sale del mondo come il Vienna Musikverein e Konzerthaus alla Carnegie-Hall di New York, alla

Suntory Hall e Casals Hall di Tokyo.

Nelle parti soliste il pubblico potrà apprezzare Andrea Virzì al flauto (vincitore di oltre cinquanta primi premi assoluti in concorsi internazionali e nazionali, primo flauto in prestigiose orchestre in Italia e all’estero) e Francesco Morabito al pianoforte, allievo di Maria Pia Tricoli e promessa del pianismo catanese.

Completano l’organico Mariachiara Buonocore, Egle Denaro, Riccardo Urbina e Salvo Bentivegna ai violini e Giulio Nicolosi al violoncello

x