« Torna indietro

Etna, apertura bocca effusiva nel Cratere di Sud-Est: ancora emissioni di cenere in direzione sud-ovest

Dopo l’apertura della bocca effusiva nel versante settentrionale del Cratere di Sud-Est dell’Etna osservata ieri, va avanti la sua attività.

Pubblicato il 21 Maggio, 2022

Continua l’attività eruttiva dell’Etna di questi giorni. Nella giornata di ieri infatti dall’Osservatorio Etneo dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia è stata osservata l’apertura di una nuova bocca effusiva nel versante settentrionale del Cratere di Sud-Est, alla quota di circa 3.250 metri sul livello del mare, con l’emissione di una piccola colata lavica in direzione nord-est.

L’evento è stato giudicato dagli esperti come una prosecuzione dell’effusione lavica alla bocca dello scorso 12 maggio con arrivo dei fronti lavici nella Valle del Leone. Nella giornata di ieri si è assistito a un’attività Stromboliana di intensità variabile con diluita emissione di cenere che si è dispersa in direzione sud-ovest.

Secondo quanto detto a noi dall’esperto vulcanologo dell’Ingv, Marco Neri, l’attività in queste ore sta andando avanti con una colata diretta sempre verso la Valle del Leone. I fronti lavici però raggiungono una distanza compresa tra un chilometro e mezzo e i due chilometri dal punto di emissione e la cenere esplosiva è comunque di quantità piccola. Lo stesso flusso si ripeterà ogni volta al raggiungimento di questa distanza e proseguirà fino al termine dell’alimentazione magmatica.

Nessun rischio quindi per le località più vicine all’evento eruttivo, in quanto la cenere non raggiunge nemmeno la Valle del Bove fermandosi a poco più di 2mila metri sopra il livello del mare. Il recente innalzamento dello stato di allerta da parte della Protezione Civile è quindi soltanto un passaggio dal verde al giallo.

LEGGI ANCHE: ETNA, PROSEGUE ATTIVITÀ SU BOCCA NUOVA E CRATERE DI SUD-EST