« Torna indietro

cani bagnini sics

Catania, presentate le attività di prevenzione e primo soccorso nei lidi balneari

Catania, presentate le attività di prevenzione e primo soccorso nei lidi balneari

Salute, prevenzione e primo soccorso ma anche attenzione e rispetto per gli animali. Sono i temi al centro della due giorni di attività e incontri tematici che la Commissione consiliare Sanità presenterà giovedì 3 settembre, alle 10.30, nella Sala Coppola di Palazzo degli Elefanti.

A illustrare in Municipio il programma dell’iniziativa, che si svolgerà venerdì 4 e sabato 5 settembre nei lidi della spiaggia libera n. 2 e Le Palme, interverranno la presidente della IV commissione, Sara Pettinato, il sindaco facente funzioni, Roberto Bonaccorsi, l’assessore al Mare e tutela e benessere degli animali, Michele Cristaldi, il direttore generale dell’Asp Catania, Maurizio Lanza, con il dirigente dipartimento Prevenzione veterinaria, Emanuele Farruggia, e il responsabile Uoc Igiene urbana veterinaria, Michelangelo Privitera. Saranno presenti anche il presidente regionale Sib balneari Ignazio Ragusa, Antonio Barresi, promotore del progetto di prevenzione, primo soccorso e utilizzo del defibrillatore “Il cuore di Raffaele” (intitolato al figlio morto per arresto cardiaco al liceo Principe Umberto), alcuni dirigenti scolastici impegnati nelle attività del progetto, Alessandro Montes, presidente della ACS Associazione cani salvataggio di Palermo, associazioni di bagnini e soccorso a mare, Mario Bongiorno del Rifugio di Concetta, Nuccio Spitalieri presidente dell’associazione Arca di Noè e Vania Amenta di Assoformatori e Giuseppe Alessi di First Aid One Italia.

“Abbiamo unito diverse esperienze – commenta la presidente Pettinato – con l’unico scopo di fare formazione e informazione, come nostra abitudine, uscendo dai palazzi istituzionali e andando incontro alle persone. Stavolta la location scelta è il mare, il litorale della Playa: i cani salvataggio mostreranno le tecniche di soccorso in acqua e verrà sfatato il ‘falso mito’ che al mare non si può usare il defibrillatore. I presenti potranno apprendere l’importanza della conoscenza delle nozioni di primo soccorso e partecipare alle attività di sensibilizzazione alla tutela degli animali, che possono essere preziosi alleati dell’uomo, ma anche all’adozione dei cani chiusi in strutture chiamate anche impropriamente canili, e comprendere l’importanza della sterilizzazione, della microchippatura e delle vaccinazioni regolari. Inoltre verrà donato un defibrillatore da installare, fino alla sua chiusura, nella spiaggia libera numero due e subito dopo in un impianto sportivo pubblico”.

Edizioni