« Torna indietro

investigatore sirena

Sorpresi a rubare portafiori dal cimitero di Fuorigrotta, identificati due giovani rumeni

Ormai è allarme in tutti i cimiteri napoletani, dove proseguono i furti di portafiori in rame.

Pubblicato il 18 Marzo, 2022

Stanotte gli agenti del Commissariato San Paolo, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in via Cinthia sono stati avvicinati da un passante il quale ha raccontato di aver visto delle persone che si aggiravano con fare circospetto davanti al cimitero di Fuorigrotta.

I poliziotti, giunti sul posto, hanno notato il cancello d’ingresso aperto e diversi fiori sparsi a terra e, con il supporto degli agenti dei Commissariati Bagnoli e Pianura, hanno effettuato un controllo all’interno della struttura dove hanno constatato che numerosi loculi erano privi dei contenitori portafiori.

Inoltre, gli operatori, nascosti tra i corridoi di un edificio, hanno sorpreso due giovani, identificati per due 18enni rumeni, e li hanno denunciati per furto aggravato e vilipendio delle tombe.

Da tempo ormai i defunti nei vari cimiteri napoletani vengono disturbati nel loro sonno eterno. Solo pochi giorni fa fu razziato il cimitero di Soccavo, mentre i furti di portavasi a Ponticelli sono quasi all’ordine del giorno. Tutta “colpa” del rame dei portafiori, un materiale particolarmente ricercato.

Un’alternativa sarebbe quella di usare vasi in plastica, magari meno nobili rispetto al rame, ma anche meno appetibili agli occhi di ladri senza scrupolo e senza coscienza.

x